Brescia Calcio Femminile
SOCIETÀ
SQUADRE
CAMPIONATO
NEWS
BLOG
SPONSOR
STAMPA
CONTATTI
  STORIA   STAFF   DIRIGENTI   ORGANIGRAMMA   ALBO D'ORO   INIZIATIVE   PHOTO GALLERY  
 
MAILING LIST
siamo in rete!
RSS You tube Seguici su Twitter Seguici su Facebook Scarica l'App del Brescia Femminile
 
SHOP ON LINE
SHOP ON LINE
Beneficenza
SPONSOR
OSTILIO MOBILI S.p.a. Radio Viva FM MESGO S.p.a. CAVA ROSSI FRATELLI S.r.l. JOMA
SPONSOR
LINK UTILI

La storia

La storia
80
 

Negli anni ottanta, un gruppo di giovani ragazze, accomunate dalla stessa grande passione per il calcio, riescono a fondare una squadra di calcio femminile.
Ha così inizio il 1° settembre 1985 l'avventura del Presidente Giuseppe Cesari nel calcio femminile. Nei primi anni la squadra viene iscritta al Campionato a sette ANSPI, dove nel 1994, le sue ragazze si aggiudicano il primo posto.

Ed è allora che sulle ali del successo, si decide di fare il grande passo, iscrivendosi al campionato FIGC: nasce così la F.C.F. CAPRIOLO.

90
 

Nel 95-96, la squadra di Cesari ottiene un decoroso ottavo posto.
Nel successivo campionato (96-97), il Capriolo vince il campionato provinciale di serie D, approdando di diritto alla serie C.

L'anno dopo (97/98), è chiaramente di transizione, essendo la prima esperienza in un campionato a livello regionale come la serie C, ma ciò nonostante si chiude al 4° posto.
Nel campionato 98/99 dopo una stagione tribolata, e l'esonero del mister Romano, Corti riesce a chiudere al secondo posto a soli 3 punti dalla prima classificata.

00
 

 

La stagione 99/00 vede il Capriolo piazzarsi al 5° posto in classifica generale, posizione che sta un po' stretta vista l'annata esaltante. Anche nel 2000/2001, si ripete il 5° posto come l'anno precedente.
Nell'estate del 2001 la FCF CAPRIOLO, cambia denominazione, e nasce così la PRO BERGAMO FEMMINILE.

Nel campionato 2001/2002, mister Alessandro Ghibellini, è protagonista di un'esaltante stagione che porta la squadra a classificarsi al 2° posto con 30 partite disputate di cui 28 vinte e solo 2 perse, entrambe con la prima classificata.

Nel 2002/2003 ancora una volta si chiude il campionato al 5° posto. Dopo un altro 2° posto (quarta volta nel campionato di Serie C), risultato ottenuto con il nuovo tecnico Rivola Ilaria, finalmente la Federazione premia il costante impegno e ripesca la Pro Bergamo per la stagione 2004/2005 nel campionato di Serie B Nazionale. Da neo promosse le ragazze di Rivola chiudono con un lusinghiero terzo posto finale.

La nuova stagione 2005/2006, parte subito con due grosse novità: la prima è che la Pro Bergamo Femminile, cambia denominazione e torna alle origini, trasformandosi in ACF BRESCIA FEMMINILE, ritornando a disputare le partite di casa dove tutto aveva avuto origine a Capriolo (BS). La seconda novità è la notizia del ripescaggio in serie A/2.
Tuttavia la stagione termina nel peggiore dei modi, con il terzultimo posto in classifica che condanna il Brescia Femminile alla retrocessione in serie B. Dopo l'amara ed immeritata retrocessione in B le rondinelle si rituffano nella nuova stagione 2006/07.
Il presidente Giuseppe Cesari riconferma in blocco lo staff tecnico con Ilaria Rivola ancora alla guida della prima squadra coadiuvata dal preparatore atletico Luca Medolago e dal preparatore dei portieri Giovanni Taiocchi e il Brescia vince a mani basse il campionato di serie B. Dopo un solo anno di Purgatorio si torna in A2.

Il 2007/2008 vede la matricola Acf Brescia lottare fino alla fine per la vittoria del campionato, che sfuma amaramente sul traguardo finale. Le rondinelle chiudono al 3° gradino. Inizia a dare i suoi frutti anche il settore giovanile, che vede impegnate 4 squadre e quasi 100 ragazze tesserate.

Con la nuova stagione 2008/2009 la Società decide di cambiare gran parte della rosa, arruolando giocatrici di spessore tecnico-tattico e di esperienza consolidata. L'obiettivo è conquistare la serie A. Il campionato è avvincente e il verdetto finale arriva solo alla fine. Il sogno diventa realtà all'ultima di campionato, giocata al Rigamonti di Buffalora contro l'Olbia. La Serie A splende in una limpida giornata di primavera davanti al pubblico di casa.

Il 2009/2010 vede per la prima volta il Brescia Femminile impegnato nella massima serie: nonostante le difficoltà e i tanti errori commessi, le rondinelle riescono a salvarsi a due giornate dal termine, con Mondini in panchina, subentrato in corsa ad Ilaria Rivola.

Il 2010/2011 comincia con molte novità, a partire dal mister: Nazzarena Grilli arriva alla corte di Cesari con al seguito 8 nuovi innesti di grande spessore. Dopo la salvezza della stagione precedente l'Acf Brescia viveuna stagione esaltante, chiudendo al 3* posto in classifica sfiorando la qualificazione in Champions fino all'ultima giornata. Senza sconfitte fuori casa, unica squadra a fermare la Torres campione sul pari, record stagionale di imbattibilità (circa 750 min.), Daniela Sabatino capocannoniere con 25 reti. Una stagione da incorniciare!

Il 2011/2012 riparte con la stessa guida tecnica e 4 nuovi innesti: Gorno Marisa, Lucija Mori, Valentina Pedretti e Martina Rosucci. Il Brescia Femminile conquista il primo trofeo della sua storia. Con Miro Keci in panchina, subentrato a poche giornate dalla fine del campionato, le leonesse si aggiudicano la Coppa Italia dopo un’esaltante finale in quel di Ostia contro il Napoli. Il campionato termina con un onorevole 4° posto dopo aver occupato per molte giornate la prima posizione.

Nel 2012/13 si riparte con una nuova guida tecnica affidata a Milena Bertolini. Con lei quattro nuovi innesti di spessore internazionale: Sara Gama, Sara Penzo, Barbara Bonansea e Eleonora Prost.
© Copyright 2010 ACF Brescia Femminile - P.iva 02891450161 Progettazione grafica: Innovazione - Html e sviluppo: Dexanet